Stai navigando con un browser obsoleto. Clicca qui e aggiorna il tuo browser per avere una migliore esperienza di navigazione.

Covid-19: le manifestazioni per la tutela del patrimonio tartufigeno del Piemonte osservano tutte le misure di contrasto e contenimento del contagio.

Apri il pdf

Breathe the Truffle – Tutela ambiente tartufigeno

Una delle principali attività che stiamo svolgendo durante l’anno in corso è rappresentato da una serie di incontri di concertazione con enti pubblici, associazioni di categoria, consorzi di tutela circa il tema della tutela del patrimonio tartufigeno:

  1. Rendere sempre meglio conosciuta la possibilità di segnalare la presenza sui propri terreni di alberi tartufigeni alle Commissioni comunali agricoltura e di richiedere l’indennità annua di 24 euro per pianta prevista dalla Regione Piemonte, pagata attingendo ai fondi ricavati dai tesserini dei cercatori;
  2. Far conoscere l’esistenza di un bando regionale per la forestazione con piante da tartufo;
  3. Adottare in ciascun Comune delibere, regolamenti, ordinanze per la tutela delle piante da tartufo di cui esistono esempi;
  4. Censire i terreni demaniali esistenti nei Comuni e favorire piani di manutenzione forestale concordata con Associazioni di Trifolao, Centro studi, ecc., attingendo anche a risorse ricavate dal crowdfuning durante la Fiera internazionale del Tartufo bianco d’Alba;

Sensibilizzare agricoltori, coltivatori e produttori vinicoli sull’importanza della conservazione e dello sviluppo delle piante da tartufo nel quadro delle azioni volte a mantenere la biodiversità e a diffondere sistemi colturali sostenibili, azioni utili in primo luogo per la salvaguardia dell’ambiente, ma anche per la reputazione del nostro territorio, delle sue aziende e delle sue eccellenze produttive.

In particolare abbiamo incontrato il Consorzio di tutela dell’Alta Langa. Consorzio Barolo e Barbaresco ,

Unione dei Comuni Alta Langa, Unione dei Comuni di langa e del Barolo,  Confagricoltori, Coldiretti

Procede proficuamente la collaborazione con l’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba , sono inoltre in programma interventi colturali su diverse tartufaie , grazie al contributo ricavato nell’ambito della fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba .

Nello specifico abbiamo inoltre attivato una sinergia oltre che con Ente Fiera con l’associazione Milleunanota di Filippo Cosentino , che nell’ambito del cartello della Fiera ha attivo un festival Jazz.

Abbiamo calcolato l’emissione di CO2 ed andremo ad attuare interventi di compensazione delle emissioni con la piantumazione di piante e azioni di pulizia in località San Cassiano, al fine di rendere il festival musicale un evento completamente sostenibile.